We are the journey – Scampia

For one month, three students and a professor from Saint Mary’s College of California dedicated their time and energy to serve in a place they knew nothing about. Even after completing six class sessions and extensive readings and conversation about ethics and poverty, nothing could have fully prepared us for what we ultimately encountered in Scampia. The art, food, history, and culture in Naples–not to mention the rest of Italy, as well–obviously offer phenomenal tourist opportunities; they are nothing, however, compared to the living beauty we have experienced in the people of Scampia.

At first glance, Scampia is not especially charming. There is trash on nearly every surface, there are stray dogs everywhere, and the towering buildings seem to cage you in. It is almost impossible not to feel the moans and groans of a city overwhelmed by exhaustion and gloom. This is not Scampia, however.

Our perspective of the Scampia we’ve come to know and love has been shaped by our stay at CasArcobaleno, the “second chance” Lasallian school run by a very dedicated group of brothers, teachers, social workers, and psychologists. These leaders–in particular, the Christian Brothers and the Sisters of Providence with whom we had the opportunity to live in community–have demonstrated an enduring dedication to the oppressed and an embodiment of selfless love. Despite the assumption that we come as volunteers in order to help the students of CasArcobaleno, the people of CasArcobaleno have ended up teaching us so much.

It is easy to see how people could overlook the beauty of this place, since poverty is often understood to be a result of laziness or a bad attitude; poverty actually works the other way around, however. Every time that the kids of CasArcobaleno choose to show up and do their best, it represents an achievement for them and a gift to their community. At times, the learning process can be frustrating for students, but to watch them push against that has inspired us to push ourselves further and to believe in ourselves. Even though everything seems to be stacked against these young people, they actively choose to find a better path. It is extremely inspiring to see what can happen when they set their minds to overcoming obstacles. One of the most poignant moments we witnessed occurred when the Superior Generals of the Christian Brothers came to visit and each of the students prepared a presentation about what they have been learning at CasArcobaleno. As they each stood up and took their turn speaking in English, the four of us were bursting with pride. We could not stop smiling. Despite any nervousness or fear of mistakes, each student showed everyone just how smart and talented they really are. What a beautiful sight!

Although at times it was difficult to find a way to communicate with each other, there were pivotal moments when we all connected so deeply. They challenged us as we challenged them; communication and interaction were cyclical, moving back and forth, in an ongoing process of give and take. As a result, friendships blossomed. We were able to experience deep hope and joy here, and we want to share that with the rest of the world. We have been given a beautiful and precious gift, inasmuch as we have been given the opportunity to witness and participate in the discovery of new life, hope, and joy–all of which simply need to be unleashed.

The message we want to leave with our friends at CasArcobaleno is this: America is not perfect either. Although there may be more and different opportunities in the United States, many face obstacles similar to those you encounter. We need not hope for the impossible. What we can all do is start with what is in front of us, taking advantage of each and every opportunity that presents itself, rather than choosing to avoid struggles and challenges.

Effort and persistence are crucial. When we do not commit ourselves completely to something, and end up failing, we may feel safe from the vulnerability of personal failure; we can blame it on something else. If, however, we never push ourselves beyond our imagined limits, striving to move beyond our comfort zones and giving everything we have, we will never really know how much we can achieve. We develop best as people when we allow ourselves to be vulnerable, even if that means facing the possibility of failure.

Ultimately, education is what we will value the most–more than any physical item–because it is something that no one else can take away from us. Learning shapes us and our relationships–and it can provide the spark we need to empower us to be able to do something different with our lives. For each of us, the choice is ours. You are the journey–we are together the journey–but no journey begins if we never take that first step. A flower cannot grow if we do not let the light in.

When we make genuine human connections, our preconceptions and perspectives change. Knowing each of you and holding you in our hearts has transformed our perception of Scampia into something profoundly different than the place that we had initially imagined it would be. It is so important for all of us–those of us from Saint Mary’s College and each of the young people at CasArcobaleno–to press beyond surface level appearances. For those of us who traveled from California, we would never have been able to be a part of such a beautiful journey if we had not challenged ourselves to leave our comfort zones and to see more deeply. Beauty does not just come–we all have to seek it.

Our dear friends in Scampia, always remember that you are beautiful. You matter. You are worthy. You are important. And you are most definitely smart. The choice to continue the journey, despite the challenges you will inevitably and undoubtedly face, is yours, and yours alone. Never forget to keep taking one step after another, and never stop believing that you are loved and that your journey–the journey that, ultimately, we are all traveling on together–truly matters.

 

Please follow and like us:

Fratel Schieler nelle scuole di Roma: “Laici e Fratelli, una comune passione educativa, ricca di futuro”

Tappa romana per la visita pastorale del Superiore Generale: il 22 mattina all’Istituto Pio XII, nel pomeriggio alla scuola La Salle a Colle La Salle, martedì 23 al De Merode di piazza di Spagna e all’Istituto Villa Flaminia. Migliaia i ragazzi incontrati, centinaia i docenti e poi famiglie e personale ausiliario.

 “Siamo in 80 paesi nel mondo, una grande forza per il bene e siete voi a mandarla avanti” sottolinea dialogando con gli studenti delle Superiori dell’Istituto De Merode. “Vedo speranza e futuro, relazioni forti tra le persone e ovunque nel mondo, anche se non comprendo la lingua, mi sento a casa. Questo significa essere lasalliano per me”. E poi l’attualità del carisma nato nel XVI secolo: “l’idea dell’amicizia, di relazioni autentiche tra insegnanti e studenti, è il nostro punto di forza insieme alla comunità. Nelle nostre scuole in Turchia, Egitto, America, Irlanda ci sono più similitudini che differenze: gli studenti parlano come voi, sono impegnati in servizi sociali, volontariato. Da studente sono entrato in una scuola lasalliana. Non avrei mai immaginato di certo il mio futuro”.
 L’invito quindi a “farsi presenti accanto agli altri, riconoscerne la dignità, non restare in superficie entrare in profondità, chiedersi cosa posso fare per chi non ha condizioni di vita dignitose”. Intenso l’incontro con i ragazzi del De Merode impegnati nei diversi progetti di volontariato. “Sono il 25% degli studenti che frequentano l’Istituto” spiega il prof. Andrea Sicignano, referente per le diverse iniziative. “Abbiamo compreso che dobbiamo essere in prima persona il cambiamento che vogliamo”, spiega Rosanna raccontando il suo impegno nel movimento giovanile lasalliano che ha organizzato quest’anno a scuola tra l’altro la giornata della pace. “Impariamo qui non solo competenze ma umanita’”. Si succedono le testimonianze e le foto dei ragazzi coinvolti in esperienze di servizio: dalla scuola di seconda opportunità di Scampia, al doposcuola a Torre Angela e alla scuola di Barbiana, dalla distribuzione di abiti e cibi ai senzatetto, alla cooperazione con la Caritas, al teatro con i ragazzi diversamente abili dell’Isitituto Vaccari. Fino al viaggio in America, un po’ controcorrente, dove studio e servizio sono un tutt’uno “per imparare a non fermarsi all’ aspetto ma comprendere chi ti siede accanto. Aprire il cuore, apprezzare quanto abbiamo, condividere, considerare queste opportunità occasioni – per quanto semplici – per cambiare la vita, nostra e degli altri” raccontano a più voci.

Al San Giuseppe ancora il ringraziamento dell’Associazione genitori “per il coinvolgimento costante delle famiglie – che hanno dato vita tra l’altro ad un coro che ha raccolto fondi per la scuola lasalliana di Scampia – per l’attenzione alla giustizia e ai valori, il clima sereno e positivo”, e quello dell’Associazione San Vincenzo, da 35 anni attiva al De Merode, insieme agli Ex alunni, “braccio laico dei fratelli nel mondo”. “Raccogliete queste testimonianze” l’esortazione di Fratel Schieler. “Avete condiviso il cambiamento avvenuto in voi. Un processo con dei rischi: quando inizi un’esperienza di volontariato non sai mai dove ti portera’. Essere per gli altri non è fare qualcosa di semplice e privo di fatica ma dare una meravigliosa testimonianza del vangelo”.

VISITA ALLA COMUNITÀ DEI FRATELLI

Villa Flaminia l’accoglienza festosa sulla scalinata e poi la visita delle diverse realtà. “La nostra scuola? E’ una seconda famiglia”, raccontano gli alunni delle elementari, 450, con 40 insegnanti coordinati da Fratel Salvatore Santoro, unico fratello alla scuola primaria. “Un aspetto particolarmente evidente questo della collaborazione e condivisione della missione educativa tra fratelli e laici che il Superiore percepisce come grande capacità di crescita per il presente e il futuro della realtà lasalliana in Italia” spiega il Visitatore Provinciale Fratel Achille Buccella. La tappa alla mensa per i poveri dove ogni giorno vengono distribuiti da genitori, studenti e docenti circa 120 pasti caldi e buste spesa a chi si trova in difficoltà e dove i ragazzi nel pomeriggio offrono un doposcuola gratuito ai bambini del quartiere.

“La visita pastorale” spiega Fratel Robert “è per me opportunità per testimoniare come l’educazione lasalliana sia esperienza globale e come organizzazione internazionale verificare come l’agenda definita nel 2014 per i successivi 7 anni, sia implementata nella concretezza. Il futuro? Offre più opportunità che sfide. Ovunque percepisco lo stesso spirito e vedo uomini e donne ricchi di passione educativa”. (L.G.)

Please follow and like us:

Una storia di passione  e  di cuore: da un semplice corso di danza alla consacrazione

Roberta Tricerri, direttore della scuola lasalliana di Vercelli racconta il suo cammino di consacrazione a Signum Fidei

Anno 1987: “30 anni fa entravo in punta di piedi nella scuola Lasalliana di Vercelli, chiamata a tenere un corso di danza per le  bambine della Scuola Elementare delle Scuole Cristiane  e mi avvicinavo così  alla comunità dei Fratelli, scoprendo il carisma di San Giovanni Battista De La Salle, che subito mi ha conquistata. Da allora molte cose sono cambiate nella mia vita e mai avrei  potuto immaginare quale strada  il  Signore  mi  invitava  a percorrere.

Ho sentito subito il desiderio di farmi prendere per mano  dai Fratelli, fiduciosa mi sono  incamminata  verso la mia nuova avventura. Avevo solo 21 anni e possedevo tutto l’entusiasmo e l’incoscienza che contraddistingue  quella giovane  età.

Dopo quella “chiamata”, giorno per giorno, il Signore mi ha svelato il percorso, indirizzandomi nelle scelte, spronandomi e sostenendomi.

tricerri2Oggi tutto mi è più chiaro. Anche se inizialmente  ho tentato di “ribellarmi” alla Sua volontà poiché stravolgeva la mia vita, sentivo nel profondo del mio cuore di essere legata alla realtà che avevo imparato a conoscere e che già sentivo di amare perché contribuiva efficacemente alla mia crescita  umana e cristiana, mi faceva sentire una persona migliore. Questo  mi  rendeva  felice.

La strada che ero stata chiamata a percorrere è divenuta in breve una vera passione, in ogni senso! E  presto, con consapevolezza, si è trasformata in missione.

Dopo aver attivamente collaborato a dar vita alla Fondazione Filippi La Salle che, unendo la pedagogia lasalliana alla missione di educare i giovani strappandoli  alle molteplici  povertà di della società odierna, mi trovo,  dopo tanti anni di insegnamento, a dirigere e gestire la Scuole Cristiane di Vercelli. Un ruolo decisamente impegnativo che ha modificato lo stile della mia vita.

Il Signore come un pezzo di marmo mi ha scolpita, levigata, cesellata facendo saltare  fuori ciò che mai avrei immaginato di possedere. Mi ha resa più forte nella fede donandomi la forza per affrontare le tante difficoltà, insegnandomi la gioia del servizio e del donarsi  agli altri.

Ha fatto un gran lavoro su quella ragazzina caparbia, indifesa e spesso sprovveduta! Sì, mi ha trasformata in una persona nuova!

tricerriDopo il dono dell’ Affiliazione ricevuto nel 2012 dai Fratelli, ho maturato il desiderio del passo della mia consacrazione a Signum Fidei, come conversione che mi avvicini al Signore, rinnovando il mio impegno e servizio quotidiano alle Scuole Cristiane di Vercelli, per divenire testimonianza Lasalliana viva e significativa nella piccola realtà vercellese che ha avuto la fortuna di conoscere, amare ed apprezzare l’opera educativa dei Fratelli ma che oggi, orfana della comunità dei Fratelli e della loro presenza, continua nel cammino evangelico di San Giovanni Battista De La Salle.

Ho così rivolto domanda al Visitatore di  poter consacrare al Signore il mio cammino e il mio impegno quotidiano. Con la mia famiglia accanto, nella cappella privata del nostro Arcivescovado, ho fatto la miapromessa lo scorso dicembre, consapevole della  mia limitatezza ed inadeguatezza.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il mio impegno è di continuare con fede e zelo a servire Gesù e a testimoniare il Vangelo seguendo l’esempio di San Giovanni Battista De La Salle,  offrendo ogni giorno  della  mia vita  alla  realizzazione  del  progetto  di  Dio  su  di  me. Ho avuto vicino in questi anni Fr. Bruno Bordone, uno dei maggiori esperti italiani del Fondatore, che ancora oggi consiglia ed orienta i miei passi.La mia grande fortuna in questo cammino è avere accanto un marito ed un figlio che comprendono la mia passione e mi sostengono nella missione che occupa interamente le mie giornate.

Il mio grande desiderio è di poter contribuire a far crescere qui a Vercelli una comunità di laici innamorati del carisma di San Giovanni Battista de La Salle e portare avanti la missione dei Fratelli, presente fin dal 1841″.

Please follow and like us:

Varchi di Luce

Nel 2004 i lasalliani aprono una scuola “elitaria”. Si accede solo se bocciati due volte e segnalati dai servizi sociali. Una sfida tanto vicina al carisma del De La Salle, vissuto nel 1600: educare chi è ai margini, sfida portata avanti attraverso il lavoro di educatori, psicologi, professionisti, insieme, attraverso la cooperativa Occhi aperti. Ad oggi 130 i ragazzi recuperati ed accompagnati alla licenza media. Una scuola alternativa, fatta di attenzione e ascolto, modulata sulle possibili risorse di ciascuno, che invita nuovamente i ragazzi ad alzare lo sguardo e osare il futuro. Una giornata intensa in una scuola “buona”, che prefigura quella di domani.

Please follow and like us:

Accanto agli anziani e ai bambini nel Bronx: il viaggio “studio” negli USA degli alunni lasalliani

Un viaggio alla scoperta del mondo lasalliano negli Stati Uniti ma non solo: “un percorso formativo, vocazionale e di educazione alla giustizia” spiega Andrea Sicignano docente dell’Istituto De Merode. Una proposta alla sua quarta edizione, dai punti fermi:

usa20La visita alla casa dei fratelli di Bedford Park, una comunità   lasalliana mista, composta da fratelli e laici giovani che fanno parte del movimento “Lasallian volunteers” creato anni fa. “Incontro fondamentale che porta i ragazzi a scoprire immediatamente la dimensione mondiale dell’esperienza lasalliana. Punto di partenza del percorso, ma anche, a mio modo di vedere, il punto di arrivo: vivere in fraternità  mettendosi al servizio degli altri”.

Tappa ad Ellis island al Manhattan college, università   lasalliana a New York, sede del soggiorno. “Visita al museo dell’ immigrazione, attraversando la città   e confrontandosi con la storia, la nostra, quella dell’Italia paese di emigrazione, ancora oggi. Il museo restituisce bene i viaggi della speranza dei nostri connazionali spesso dai risvolti tragici”.

usa17Il servizio, cuore del viaggio: agli anziani, in un istituto accanto al Manhattan College. Ragazzi  – 14 in tutto dai 14 ai 17 anni quelli del De Merode che vi hanno preso parte – in ascolto provando ad interagire in modo affettivo e premuroso. “Ho visto giovani pieni di tenerezza, capaci di attenzioni delicate, pronti a mettersi in gioco. Tre mattine in cui abbiamo suonato, cantato, ballato, ascoltato e parlato. Soprattutto abbiamo conosciuto. Molti anziani erano immigrati da giovani, altri ci hanno raccontato la storia degli Stati Uniti raccontandoci la loro”. “Ho scoperto l’essenziale” spiega Francesco, 17 anni “dare affetto incondizionato, ai tuoi cari, a chi ti è accanto, impegnandoti a conoscerli di più. “Uno degli ultimi giorni un senzatetto mi ha detto, guardando il cielo, di essere grato per quello che aveva” confida Gemma. “Ho compreso la mia ingratitudine”.

Servizio poi con i bambini della Concourse House nel Bronx: “una casa protetta” spiega Eleonora Munaretto, ex alunna del De Merode ora responsabile del movimento giovanile lasalliano dell’Istituto con Sicignano “dove donne con figli che hanno subito violenze dai loro compagni possono rifugiarsi, avere un appartamento sobrio, un lavoro e la scuola per i figli. Raccontiamo qualcosa della nostra cultura, organizziamo lezioni di cucina, andiamo a fare alcune gite insieme e quest’ anno, grazie al sostegno economico della Giornata del Cuore promosso dal De Merode di Roma, a vedere un musical a Broadway: Aladin. Vivono vicini a Time Square ma fanno parte di quella periferia che normalmente non potrebbe mai entrare in un teatro del genere”.

usa15Spazio poi alla Cultura: “per imparare a pensare e a comprendere il mondo che abbiamo intorno. Ogni pomeriggio, dopo il servizio, dedicato alla visita di un museo o di un aspetto particolare della città”.

Centro dell’ esperienza la riunione serale: “per riflettere in comunità  sulla giornata vissuta insieme” spiega Sicignano “creare una comunità  di ragazzi che siano leader nella nostra scuola per quanto riguarda il servizio ai poveri e l’ educazione alla giustizia, dare una dimensione spirituale alla quotidianità , trasformando i volti incontrati nel volto di Cristo”.

Dopo la prima settimana la partecipazione al convegno: “quest’anno nel distretto di DENA con altri cento ragazzi della loro età   provenienti dalle scuole lasalliane del distretto: da New York, a Buffalo, Philadelphia, Washington”. Anche in questo caso al mattino servizio ai poveri, il pomeriggio condivisione, la sera comunità , in gruppi diversi. I ragazzi sono costretti così a condividere, parlare inglese, a conoscere e a farsi conoscere. “Ho imparato a fare gruppo con i miei coetanei, apprezzando le diverse qualità   di ciascuno” confida Rosanna. “Ho portato con me ” fa eco Livio “il lavorare insieme, far parte di qualcosa e farlo con il sorriso, con il desiderio di condividerlo con gli altri studenti della mia scuola”. “So di far parte di una grande famiglia” aggiunge Flavia.

Un tempo opportuno per crescere nella percezione della dimensione mondiale dell’esperienza lasalliana, costruire nuove amicizie, comprendere meglio il valore del servizio svolto in comunità e costruire insieme un tempo di pace e giustizia, titolo del convegno di quest’anno.

Già allo studio l’esperienza 2018: “qualcosa di più di un’ opportunità   di studio: un viaggio di servizio conclude Sicignano “per generare nuovi leader, nuove comunità  e nuova giustizia, esperienza che in futuro vorremmo allargare anche a ragazzi di altre realtà”.

Please follow and like us:

“Vi farò pescatrici e pescatori di uomini …”

Due Fratelli, Angel e Josetxo;dueSorelle (della Pureza di Maria),Gotzone e Virginia; due laiche lasalliane, Maria Nives e Maria Victoria detta Chiqui;una manciata di energici educatrici ed educatori; una cittadina a 40 chilometri da Granada, una casa che non veniva più usata da un’altra congregazione…

Il “mare magnum” dei diritti dei bambini, diritto alla cura e alla tenerezza, diritto a relazioni significative ed educativamente valide e fedeli, diritto alla casa e allo studio, diritto al gioco e allo sviluppo dei propri talenti, diritto alla protezione contro ogni violenza e abuso, diritto ad “una vita bella” e alla speranza…

Tradizioni, avventure e camminieducatividifferenti che s’incrociano e s’integrano per una risposta che sia effettiva, efficace e segno della “mistica del vivere insieme” perché per fare una rete bisogna essere vicini e lontani, collegati e flessibili, aperti e saldi…

Una ventina tra bambini, ragazze e ragazzi con cammini feriti e instabili… piccoli migranti, vittime della tratta, bambini tolti a famiglie e/o genitori incapaci di assicurare il necessarioamore fecondo, maturo e fedele perché le vite non si perdano, non siano violate dall’inizio, non vengano sfruttate e segnate dalla violenza e dall’egoismo…

Nella pesca ognuno ha il proprio Dio, Signore, Allah, Abbà… o forse nessuno, ma qui sotto lo sguardo del Papà-Mamma dei cieli, tutti trovano spazio, tutti sono lodati e ringraziati per il pane quotidiano, tutti sono ricondotti ad esser Uno, a prendersi cura di queste figlie e figli, a vegliare sulle ferite e sui sogni di ciascuno e di tutte e tutti. È il solo creatore, onnipotente e Eternamente piccolo e fragile, totalmente Altro e profondamente Prossimo che si rivela nel volto del bambino che soffre e nell’adulto che accoglie.

L’Hogar che senza sosta né titubanza accoglie e segue, cura, abbraccia, fermamente segna e raddrizza il cammino di ciascuno e del gruppo, presenza che non si spaventa e neppure retrocede davanti al dolore innocente e al dovere umano ed evangelico della salvezza

“Ho mangiato per mesi l’immondizia” racconta uno dei ragazzi, il viaggio sulla barca narra un altro; il
fidanzato che l’ha buttata sulla strada segna la vita di una ragazza; “Non ho un papà, solo una mamma” grida arrabbiato con estrema violenza l’ultimo bimbo arrivato; un corpo segnato da cicatrici e segni… e possiamo solo immaginare la situazione dei cuori…

La chiamata ad esser madri, fratelli, sorelle e padri di coloro che sono posti ai margini della vita dall’egoismo, dalla povertà, dalla guerra e dalla fame… è chiamata a lasciare che il cuore sia profondamente ferito, mai rimarginato per poter a tua volta “toccare il cuore di coloro che Dio ti affida”… chiamati ad esser sognatori e custodi delle stelle, con piedi nudi sulla terra calda per custodire sogni che sarebbero infranti e schiacciati contro la dura realtà del mondo che non valorizza il piccolo, il debole, il Povero, ma che così riacquistano vita e futuro, come semi sempre pronti a germogliare, ricevendo il necessario amore.

Non sempre è facile quando cuori così giovani sono stati feriti nel profondo, la violenza e la rabbia esplodono quando meno te l’aspetti e tutti i piccoli ne sono toccati… torna la paura, il terrore, ricordi dolorosissimi riaffiorano nei cuori; ma c’è anche voglia di riscatto e richiesta di aiuto da parte di chi, arrivato con sospetto, è stato sopraffatto della tenerezza e dall’impegno affinché ci sia vita in abbondanza, non solo per lui, ma per tutti.

C’è speranza, c’è salvezza perché sono scelti, chiamati, consacrati, “forgiati” e inviati …. e non sono soli in quest’avventura di paternità e maternità perché lo Spirito che procede dal Padre al Figlio è con loro, in loro, per loro e una comunità diversa, vasta e ampia li accoglie e li protegge nella lotta contro il male…

Neppure il cancro e la prospettiva di sei mesidi vita hanno fermato una sorella, e con lei la comunità La Salle-Pureza di Loja, a donarsi e spendersi e a vivere, con gli ragazzi “pescati” e feriti nel profondo, la croce e la grazia di una malattia… “un dono” afferma lei sorridente ed energica al nono mese di vita nuova, tre mesi dopo l’annunciata morte da parte dei medici…

Ci sono vari tipi di pesca: a strascico, con il piombino, con la canna, o con la rete… qui la pesca si fa con l’abbraccio; tutti si abbracciano molto, specialmente i più piccoli; ciò non toglie momenti di tensione, fermezza nell’educare; punizioni e correzioni… ma si sente nell’aria il clima sereno dell’amore donato a piene mani che come “olio e vino” vuole curare ferite profonde e di lunga data…

Si pescano “i pesciolini” non per trattenerli, ma per portarli in altri mari, con altre famiglie, se la propria
non è in grado o ha troppo ferito… la gioia e la speranzadel lasciare andare altrove, coinvolge tutta la
comunità e l’equipe… sogni di riscatto e di vita, non senza prevedere e momenti di difficoltà e di dolore per tutti, rendono i giovani eccitati e preoccupati nel medesimo sguardo: “Ce la farò?” “Ce la faranno questi nuovi genitori?” “Saranno ancora sofferenze per me?” “Come posso abbandonare la mia mamma e trovarne un’altra?”

La cappella della Comunità ha al centro un tavolo, sopra vi è il tabernacolo, la Parola, una croce e le foto di ciascuna ragazza oragazzo dell’Hogar, non solo per tenerli presente al centro della preghiera e del meditare e vivere la Parola, ma perché essi sono il più vero Corpo di Cristo, la Parola del Padre più esigente e radicale, i Crocifissi della Storia…

“Vi farò pescatori di uomini…”

Non è un invito: è una realtà, è la missione del discepolo e della discepola di Gesù, il Risorto… è il non
guardarsi troppo o perdersi in riflessioni da riva dove ci attanagliano paura e abitudine, scoraggiamento e onnipotenza… è uno sforzo da compiere “di notte”, anche senza successo, certi che è il Signore che, nel giorno in cui abbracceremo la sua Parola, renderà miracolosa e abbondante la nostra pesca perché al centro ci stanno sempre i “pesci”; “i pescatori” sono solo servi inutili…

“Vi farò pescatrici e pescatori di uomini…”

ps “Vi farò pescatori di uomini…” è nel brano evangelico del giorno 7 settembre (Lc 5, 1-11),
che giunsi a Loja e non potevo non esser colpito da pescatori e pescatrici così fraternamente
speciali, non perfetti, ma sempre presenti e pronti per la “pesca”…

F. Enrico Muller

Please follow and like us:

CONVEGNO CISM – USMI: DALLE FRONTIERE IL FUTURO DELLA VITA CONSACRATA

SARA’ PRESENTATA ANCHE LA RELATA’ DI SCAMPIA COME OPERA DI MISERICORDIA SPIRITUALE INSEGNARE AGLI IGNORANTI

Quali frontiere oggi abitano i consacrati? Quale lettura da questi osservatori può farsi sul futuro della vita consacrata? Questi ed altri interrogativi sul tavolo del convegno “dalle frontiere il futuro della vita religiosa” in programma a Roma, Villa Aurelia, dal 26 al 28 settembre, promosso da CISM USMI Area Solidarietà.

Centrali le due tavole rotonde il 27 con testimonianze di religiosi e religiose impegnati in diverse “periferie”: da Frate Federico Gandolfi in arrivo appositamente dal Sud Sudan e Suor Angela Bipendu Nama, a Frate Francesco Piloni, responsabile del Servizio Orientamento giovani di Assisi e  don Davide Banzato della Comunità Nuovi Orizzonti.

Nel pomeriggio spazio ad una lettura esterna e laica della vita consacrata a cui concorreranno Ernesto Oliviero, Giuliana Martirani e Beatrice Fazi.

“Un’occasione preziosa per lasciarsi interpellare dalle testimonianze e condividere alcune delle riposte concrete e significative messe in campo dai diversi Istituti” spiega don Wladimiro Bogoni  “attraverso la proiezione martedì 26 settembre in anteprima di una sintesi dei 14 cortometraggi prodotti, ciascuno a narrare nell’oggi un’opera di misericordia”, a cui seguiranno i lavori di gruppo.

“Un percorso” spiega Suor Azia Ciairano “che ha fatto emergere risposte efficaci e perlopiù nascoste”. “L’obiettivo” sottolinea Laura Galimberti, giornalista ideatrice del progetto “era di condividere e moltiplicarne lo spirito che le anima; restituire la profezia e la bellezza delle opere di misericordia vissute nell’oggi e della vita consacrata, interpellare e provocare stili di vita e testimonianze”.

Un viaggio intorno alla misericordia, che sogna e prefigura un network per narrare la bellezza della vita consacrata a partire proprio dalle sue opere e testimonianze. Se ne parlerà  in conclusione il 28 settembre con l’intervento del Card. Joaz Braz de Aviz, Prefetto della CIVCSVA su “consacrati e media: quali alleanze?”, la curiosa testimonianza di Ernesto Oliviero, fondatore del Sermig e il contributo di Andrea Tornielli su “la rete: insieme, un’altra frontiera”.

Please follow and like us:

Campo vocazionale a Mazara del Vallo: in periferia “per essere salvati”

RELEM – Campo vocazionale a Mazara del Vallo: in periferia “per essere salvati”

Mazara del Vallo (TP) estremo sud della penisola, luogo sconosciuto ai Lasalliani, prima dell’ ultima settimana di luglio 2017. In nove – un Fratello, due Associate insegnanti, un insegnate con il marito e 4 giovani lasalliani – vi hanno fatto comunità per 15 giorni, accolti dalle Francescane Missionarie di Maria che dal 1978 vi sono presenti per condividere con i migranti – prima solo tunisini, e poi slavi, egiziani, russi – percorsi educativi e d’animazione.

“Andare ai margini” spiega Fratel Enrico Muller, responsabile del tavolo di ricerca vocazionale “è stata la prima motivazione che ci ha spinto ad organizzare il campo in perideria, colpiti anche dall’ affermazione non andiamo verso i Poveri per salvarli, ma per essere salvati. Essere accolti” specifica “non è solo un’esperienza fisica, ma anche teologica, come d’altronde lo è uscire. Abbiamo così potuto attraversare il confine della congregazione, verso un progetto comune e (45° Capitolo Generale 3.26), condividendo vita, preghiera, Spirito e sapienza con le religiose e scoprire non solo la sintonia tra i carismi, ma anche la multiforme grazia di Dio”.

La comunità  delle Francescane Missionarie di Maria si trova all’entrata della Cashbah. La cattedrale, di una diocesi antichissima eretta nel 1093, è a soli 5 minuti di cammino. “Un ambiente multireligioso, che abbiamo solo osservato da lontano, che ci ha permesso di vedere e scoprire Dio nascosto e presente”. Le stradine hanno fatto da cornice al campo: “un luogo prezioso per la mezza giornata di deserto che l’esperienza prevedeva, ispirata al Roveto Ardente, a Dio che ci precede, che è sempre un po’ più avanti, ci attende. Siamo venuti a Mazara non per non fare i turisti e abbiamo dovuto scalzarci (Lc 10, 1-11), provare su di noi e in noi la fragilità , l’insicurezza, la provvisorietà  per cogliere la sacralità  del nostro camminare perchè ogni luogo è sacro. Dio infatti è presente. Ogni persona è sacra e ce lo rivela. Scalzarci ci èanche servito per avvicinarci agli altri, all’Altro con delicatezza, con dolcezza, come Lui s’accosta a noi, senza invadenza”.

Al centro l’ ESSERE MISSIONE, come ricorda Papa Francesco nell’ Evangelii Gaudium. “Il tesoro, i bambini che ci hanno scelti, chiamati, accompagnati: Adem, Razi, Manar e Maram, Selma, Nini, Ismail, Rajeh, Alice e Susanna, Jennifer, Floriana, Leo, Emedin, Sofia, Maria e tanti e tante altri. Una trentina tra i 7 e i 12 anni. Iscrizioni raccolte passando casa per casa. Dalle 9 alle 17:30 con loro: la mattinata al mare tra giochi e laboratori. Filo conduttore dell’ attività  il creato, con i suoi elementi terra, acqua, aria, fuoco.

“Hanno colpito i nostri cuori, ci hanno chiamati e ci hanno ricordato i fondamenti della nostra vocazione lasalliana: Dio è davvero buono, vigile e provvidente. I bambini hanno bisogno di angeli visibili. E’ stato Dio a chiamarvi, a destinarvi ad assolvere questo compito e a inviarvi a lavorare nella sua vigna. Fatelo con tutto l’ amore di cui è capace il vostro cuore e con l’intento di lavorare solo per lui. Offritevi spesso allo Spirito di Nostro Signore per agire solo quando vi sentite mossi da lui. Comportatevi come ministri di Dio… fino a spargere il vostro sangue per Gesù, per compiere bene il vostro ministero.

A vivere la proposta una comunità  multiforme, che ha sperimentato la mistica del vivere insieme, come suggerita dal Simposio delle Vocazioni Lasalliane 2016: “mischiare” giovani e adulti in esperienze di servizio, interrogare vocazioni mature, proporre al contempo modelli vocazionali negli adulti, riflettendo non solo su cosa Dio voglia da loro, ma anche su come vivere una vita cristiana laicale.

“Una proposta che ho colto per uscire dal mio orto” spiega Annalisa, insegnante lasalliana “per imparare qualcosa di più profondo e vero nel cammino ordinario. “Una scuola di qualità  non significa solo dare sempre più servizi e opportunità  didattiche agli studenti” aggiunge Miriam, anche lei docente associata lasalliana. “Questo rende certamente più competitiva un’istituzione, senza mai dimenticare ciò che rende feconda e viva la relazione educativaA scuola tu sei gentile? Mi ha chiesto una bambina egiziana. La vocazione non è una scelta fatta una volta per tutte, ma una risposta ad una chiamata unica. Ogni giorno il ragazzo o il bambino provoca il nostro vivere e il nostro educare. Dai più piccoli, in difficoltà  o difficili, si impara uno sguardo gratuito, non scontato e più significativo… una tenerezza con cui guardare i propri alunni e le loro poche o tante complessità . Uscire per scoprire di più la bellezza nel quotidiano che siamo chiamati a vivere, uno stupore che dia senso alla vita. A volte si esce per salvare e ci si ritrova salvati”.

“La realtà è stata ancora più feconda del previsto” racconta Suor Paola Dal Pra, Francescana Missionaria di Maria. Ognuno dei bimbi, spontaneamente, ha scelto l’animatore con cui nuotare, giocare, danzare, essere coccolato. Maram si è aggrappata a Miriam come una mamma; fratel Enrico era sepolto dagli abbracci di tutti; come pure Irene, Marta, Luana e Gabriele. L’esempio di persone adulte mature è stato davvero significativo. Paolo e Miriam sono stati esempio di coppia felice; Annalisa di insegnante gentile; Eleonora di pittrice ed educatrice paziente; Miki di persona creativa che sapeva non solo nuotare ma anche valorizzare le meduse. Elisa, Lavinia e Stefania erano segno di unità  nelle decisioni e nelle proposte; Ahmet e Jemina mostravano il loro entusiasmo facendo un’ infinità  di foto. Amir si è fatto apprezzare per la sua competenza nell’insegnare break; le due cuoche, aiutate da Habib, per il loro lavoro generoso fatto in armonia; Luigi e Peppe per la prontezza a vigilare sulle necessità ; Patrizia per la sua presenza giornaliera in piazza, silenziosa. Il campo vocazionale nel servizio poi era come una perla preziosa che dava slancio al gruppo. Dio ha fiducia di noi e il cammino continua, insieme, perchè guidati dalla sua Presenza diveniamo sempre più missione e annuncio di Speranza”. (L.G.)

Please follow and like us:

Roma Half Marathon Via Pacis

Il 17 settembre esordisce a Roma una mezza maratona per promuovere la conoscenza della ricchezza culturale e religiosa della Città e di favorire l’integrazione tra le diverse comunità religiose

Roma Capitale e il Pontificio Consiglio della Cultura, Dicastero della Santa Sede hanno stabilito un accordo per dare vita congiuntamente alla 1ª Rome Half Marathon VIA PACIS, una manifestazione sportiva popolare, con lo scopo di promuovere la conoscenza della ricchezza culturale e religiosa della Città e di favorire l’integrazione tra le diverse comunità religiose presenti nel suo territorio. In questo modo, la Santa Sede e la Città di Roma, legate da uno speciale vincolo storico, intendono rafforzare ulteriormente i legami culturali già esistenti, aperti alla nuova realtà multi culturale e multi religiosa della nostra Città.

Ispirato al tradizionale pellegrinaggio delle sette chiese, itinerario religioso, artistico e culturale di lunga tradizione nella Capitale, questa manifestazione intende collegare luoghi di culto emblematici della Capitale, appartenenti a diverse confessioni e comunità religiose, come la Moschea, la Sinagoga e altre chiese cristiane e luoghi religiosi presenti a Roma, oltre alle bellezze e luoghi rappresentativi storici di Roma in un percorso podistico dalla distanza equivalente a una mezza maratona.

L’evento è aperto a tutte le confessioni religiose che vorranno partecipare. A tale proposito stanno già collaborando, dando il loro contributo alla buona riuscita della manifestazione, le comunità islamica ed ebraica.

I due enti promotori, hanno riscontrato un’importante e fattiva collaborazione da parte della Federazione Italiana di Atletica Leggera che ha dato la sua disponibilità ad assumere l’organizzazione tecnica della manifestazione. La partnership con la FIDAL consentirà alle istituzioni proponenti di poter godere delle necessarie garanzie tecniche necessarie alla realizzazione, alla promozione e allo sviluppo negli anni della gara, sia nella parte competitiva che in quella non competitiva.

Per curare gli aspetti organizzativi dell’evento saranno istituti un comitato d’onore e un comitato esecutivo composti da rappresentanti di Roma Capitale, del Pontificio Consiglio della Cultura, della FIDAL e successivamente di confessioni religiose che intenderanno aderire.

La data scelta per la manifestazione è domenica 17 settembre e si costituirà come uno degli appuntamenti annuali nella Capitale. La Rome Half Marathon Via Pacis sarà patrocinata anche dal CONI e dal CIP e sosterrà un’iniziativa condivisa di solidarietà.

“E’ davvero magnifica – nelle intenzioni e nella sua realizzazione – la Prima Mezza Maratona Multireligiosa Per la Pace. Una iniziativa di cui siamo particolarmente orgogliosi e felici, perché ci aiuta a favorire il dialogo e l’integrazione tra le diverse comunità religiose presenti a Roma e la città tutta. Ci aiuta a rendere più solidi quei sentimenti di unione e fratellanza già esistenti da secoli, rendendoli sempre attuali e presenti. Solo nel percorso comune, nel rispetto delle diversità di ciascuno la nostra comunità potrà crescere più forte e solidale, pronta ad accogliere le sfide che si fanno sempre più ardue e pressanti. Nel ripercorrere simbolicamente il cammino dei pellegrini che arrivavano nella nostra città da ogni parte del mondo, Roma sarà ancora una volta protagonista di quella trama che parla agli altri con le parole della pace e della solidarietà. Del dialogo e del rispetto. Sempre l’uno accanto all’altro per correre insieme”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi

Please follow and like us:
1 2 3 4