Italia – Una reliquia de La Salle en la catedral de Vercelli. Mons. Arnolfo, “como él, socorrer a quien no tiene y a quien no sabe”

Una reliquia “de primera clase”, un pedacito de hueso de san Juan Bautista de La Salle, artísticamente colocado en un hermoso viril, a su vez contenido en un gran relicario, hizo su ingreso en la tarde del sábado 20 de mayo en la catedral de Vercelli.

La acompañaban procesionalmente alumnos, profesores, familias y exalumnos de las Escuelas Cristianas junto con la comunidad Signum Fidei de Vercelli. La celebración eucarística, en la tradicional jornada lasaliana, estuvo presidida por el arzobispo Mons. Marco Arnolfo y por el Vicario Episcopal y párroco de la catedral, Mons. Giuseppe Cavallone, también él exalumno de las escuelas lasalianas. A partir de la pregunta: ¿es posible vivir sin amar?, se produjo un dialogo animado y con gran partición por parte de los niños presentes. La invitación era a ser amigos de Jesús, y llenos del Espíritu Santo, amar al prójimo. Permanecer abiertos, disponibles, dispuestos a ayudar a quien lo necesita. Como san Juan Bautista de La Salle ocuparse de los pobres, de quien no tiene y de quien no sabe.

“Aquí en Vercelli”, explica Roberta Tricerri, directora del Instituto, “la presencia de los Hermanos remonta a 1841. Actualmente acogemos en nuestra institución escolar a 170 alumnos, entre las secciones nido, infantil y la escuela primaria, 21 profesores y personal auxiliar”. Conjugar fe y cultura es el objetivo educativo principal, abriendo horizontes y formando ciudadanos del futuro. “Un proyecto ambicioso y comprometedor que exige tanto ayer como hoy pasión, competencia y fe. La presencia de La Salle, que desde el sábado ha encontrado una morada en la catedral, en la capilla de S. Juan Nepomuceno junto al exalumno el Beato Secondo Pollo, es un apoyo y una invitación para todos los educadores a proseguir con nuevo vigor nuestra misión educativa, siempre urgente”. Entusiasmo y pasión de los cuales, la historia reciente de la presencia lasaliana, da testimonio. “Los Hermanos dejaron la escuela y vendieron el edificio en 1994. Teníamos 48 alumnos. Inicialmente dimos nacimiento a una cooperativa de padres con el apoyo de la diócesis. Luego en el 2012 de ente moral nos transformamos en Fundación”. De ese modo, alojados en el asilo Filippi y proponiendo una pedagogía Lasaliana, la Fundación – formada por 5 consejeros, 3 de ellos laicos, por el mismo arzobispo y el Hermano Visitador de la Provincia Lasaliana – se elige el nombre de “Filippi La Salle”. “Un proyecto exigente que ha requerido energías y fe, para superar tantas dificultades”, nos confía Tricerri, a quien le ha sido reconocida por la congregación el título de afiliada. “No se trata de una solicitud sino de un don que he recibido de la congregación, conferido a los Lasalianos, con hermosas expresiones en francés, de parte del Superior General. Una comunidad de Hermanos propuso mi nombre. A ello le siguieron dos años de verificación y discernimiento. Luego la aprobación por unanimidad, que me da la fuerza de no cesar nunca de ser pionera, como laica, en “esta nueva frontera”.

Italia – Una reliquia de La Salle en la catedral de Vercelli. Mons. Arnolfo, “como él, socorrer a quien no tiene y a quien no sabe”

La reliquia, extraída en 1888 antes de la beatificación, fue un regalo personal del postulador general Hermano Rodolfo Meoli a la directora. “Todavía no tenemos una capillita en la escuela, pero pronto la tendremos. He pensado inmediatamente en darle la dignidad que se merece y compartirla con nuestra diócesis y siguiendo la invitación de nuestro arzobispo pensamos en colocarla en la catedral eusebiena”.

Un gran sábado con la participación de la ciudad: La procesión de la escuela a la catedral, luego el ingreso en el templo con las notas del himno lasaliano. La entrega del relicario de manos del Hermano Alessandro Cagnola, director de la comunidad de Milán del Instituto San Giuseppe, tutor de la formación lasaliana en Vercelli, acompañado por la Sra. Tricerri y el Hermano Babriele Dalle Nogare, director del Instituto de Biella y de la comunidad Signum Fidei. Junto a la capilla donde se ha colocado la reliquia, figura una gran estrella, símbolo lasaliano, con la frase “La Salle está aquí”, sobre la cual los niños presentes colocaron muchas estrellas con sus nombres”. “Es la señal de su presencia viva a todos los efectos” concluye Tricerri. “Espero que a partir de ahora brote una devoción que dé nuevo vigor a todos los educadores. Durante estos días llevaremos a los niños más pequeños a ver dónde está ubicada y que todos puedan saber que él está allí. ¿La escuela lasaliana? Una escuela del corazón, que acompaña en un proceso de crecimiento humano y espiritual, a los niños hacia Cristo”.

Laura Galimberti

Italia – Un libro para educadores y padres

El 16 de mayo de 2017, en la sala Juan Pablo II de la Casa Generalicia, tuvo lugar la presentación del libro de Mario Chiarapini, Scuola, laboro de squadra. Fiducia tra alunni, genitori e insegnanti. Ed. Paoline, Milano 2017 (Escuela, trabajo en equipo, confianza entre los alumnos, padres y profesores). Además del autor, intervinieron en Hermano Remo L. Guidi, conocido historiador de temas humanístico-renacentistas y el exalumno prof. Marco Camerini, profesor de Letras y crítico literario.

El Hermano Mario Chiarapini, FSC, profesor de letras y director de escuela, es conocido en Italia como experto en problemas juveniles y familiares. Autor de varios libros, es un publicista reconocido. En su haber tiene más de una quincena de libros, nueve de los cuales en las Ediciones Paulinas, y otros con diversas casas editoriales. Ha escrito sobre catequesis y sobre los jóvenes, mientras que en este libro se ha ocupado de problemas del mundo de la escuela, donde confluyen, junto a la experiencia y la formación personales, los principios didácticos y pedagógicos que pertenecen a la tradición del Instituto de los Hermanos de las Escuelas Cristianas y a la literatura lasaliana, desde la Guía de las escuelas, a las Reglas de cortesía, hasta Las doce virtudes de un buen maestro, revisadas con un óptica actual.

Italia – Un libro para educadores y padres

La idea de escribir el libro nació como consecuencia de decenas y decenas de encuentros de formación realizados por el autor en los últimos años con profesores y padres de diversas instituciones católicas, lasalianas y no solamente, durante las cuales ha tenido la oportunidad de compartir experiencias y dificultades, junto con propuestas de posibles soluciones. Además de su utilidad para la reflexión personal, el texto puede resultar útil para reflexionar en grupos y dar pie al diálogo.

El estilo responde a la finalidad concreta del libro: es claro, con mensajes directos, un verdadero y auténtico vademécum para los educadores. En él se encuentran sugerencias prácticas y buenas dosis de confianza. Muy útil también para los padres.

Con este libro, último de una trilogía en la cual se ha abordado el problema de la emergencia educativa, el autor trata de sugerir estrategias útiles y superar las dificultades frecuentes en la vida escolar, tratando además las diversas tipologías de padres y las cualidades necesarias de los educadores.

El actual momento de regresión cultural y de deriva comportamental y existencial hay que atribuirlo, según el Hermano Mario, a la falta de preparación y a la carencia de iniciativa de los adultos. En efecto, en los tres libros trata respectivamente del ámbito familiar ((Non date le dimissioni. Genitori alle prese con l’educazione dei figli, 2011 con dos ediciones), del mundo de los adultos (Dove sono gli adulti? Assenti ingiustificati, 2013) y ahora del ambiente escolar (Scuola, lavoro di squadra. Fiducia tra alunni, genitori e insegnanti, 2017).

Presentazione libro: “Scuola, lavoro di squadra…”

Interviene
PROF. REMO L. GUIDI 
Storico di questioni umanistico-rinascimentali

PROF. MARCO CAMERINI
Docente di Lettere e critico letterario

È presente l’Autore del libro
MARIO CHIARAPINI

Nel libro, ultimo di una trilogia preceduto da ‘Non date le dimissioni. Genitori alle prese con l’educazione dei figli, 2011 (due edizioni) e  ‘ Dove sono gli adulti? Assenti ingiustificati, 2013, l’Autore, suggerisce strategie utili per superare le difficoltà frequenti nella vita scolastica, trattando anche delle varie tipologie dei genitori  e delle qualità necessarie agli insegnanti.

Scuola La Salle festeggia 180 anni. Messa in duomo con 700 invitati

La scuola La Salle di Parma festeggia i 180 anni dalla fondazione. Con una messa solenne in duomo e un banchetto all’interno dell’istituto con centinaia di allievi ed ex allievi, la storica scuola celebra la sua lunga e ricca storia a Parma.

Chiamati dal governo di Maria Luigia nel 1837 per far scuola ai bambini della città, l’istituto divenne in breve tempo la maggiore istituzione scolastica del Ducato, con alunni ammessi tutti gratuitamente. In crisi dopo l’unità d’Italia, che sequestrò i beni di tutte le congregazioni religiose, si riprese grazie all’appoggio di famiglie cattoliche abbienti. In epoca fascista aprì anche le scuole medie. La sede storia de La Salle di Parma era vicino alla cattedrale, spazi lasciati pochi anni fa per ampliare le aule. Oggi accoglie quasi 500 bambini e ragazzi fra materna, elementare e medie.

I festeggiamenti inizieranno sabato 18 marzo alle ore 9,00 con una messa presideuta dal vescovo Enrico Solmi in cattedrale. Seguirà un concerto del coro Cake & Pipe presso la scuola in via Berzioli e poi pranzo al sacco sempre all’interno dell’istituto.

La scuola ha invitato alunni, genitori, ex alunni, insegnanti e tutti i simpatizzanti e le adesioni registrate superano le 700.

Nella sua lunghissima storia – è indubbiamente la scuola più antica di Parma – ha educato molte personalità importanti, il più eminente fu il vescovo beato Guido Maria Conforti. Anche di recente l’albo degli studenti presenta molti nomi noti: sono lasalliani ad esempio l’ultramaratoneta Paolo Bucci, il rugbysta nazionale Oreste Venè, l’editore Antonio Battei, gli imprenditori Gilberto Greci, Alberto Greci e Giuliano Mingori, il senatore Giorgio Pagliari, l’assessore Michele Alinovi, l’ex politico Giampaolo Lavagetto, l’avvocato Alberto Guareschi, l’avvocato Davide Fratta, già presidente della Famija Pramzàna, Luciano Dazzi che è stato direttore dell’Agenzia delle Entrate dell’Emilia-Romagna, anche Calisto Tanzi fu allievo de La Salle.

Italia – Un’esperianza innovativa di volontariato giovanile

 

Dopo diversi anni nei quali il Movimento Giovani Lasalliani del ‘San Giuseppe de Merode’ di Roma ha vissuto settimanalmente il servizio educativo ai poveri nel doposcuola di Torre Angela, un quartiere alla periferia fisica ed esistenziale della città, il Professor Andrea Sicignano, responsabile di pastorale della scuola, ha avviato una collaborazione intercongregazionale con l’istituto ‘San Giuseppe Calasanzio’ di Roma attraverso il suo gruppo di pastorale organizzato dal professor Claudio Ferretti.

Italia – Un’esperianza innovativa di volontariato giovanile

Il progetto prevede la collaborazione dei due istituti nel servizio educativo ai bambini di Torre Angela. L’esperienza di servizio condiviso ha avuto inizio lunedì 16 gennaio 2017 ed ha visto coinvolto il primo gruppo di ragazzi delle due scuole, sotto la supervisione dei professori.

Durante il pomeriggio ogni ragazzo si è preso cura di un bambino del doposcuola, per aiutarlo nello svolgimento dei compiti prima, e per insegnargli a giocare insieme agli altri in modo non violento e divertente, poi.

Il progetto funzionerà due volta alla settimana, non solo per ampliare il servizio offerto in una realtà in cui il bisogno è reale, ma anche per far crescere l’esperienza di condivisione per i ragazzi di entrambe le scuole.

Per il futuro si sta pensando ad altre attività in comune tra i due istituti, sempre volte al servizio degli ultimi. Viaggi estivi di solidarietà, esperienze stanziali comuni a Scampia e tutto quello che la fantasia dell’amore cristiano suggerirà.

Seguiteci, presto la prossima pubblicazione, STAY TUNED!

Italia – Una Chiamata, Molte Voci: News dal Tavolo di Pastorale e Volontariato

Condividiamo la testimonianza del Professor Andrea Testa sull’esperienza congiunta di volontariato dei ragazzi di due scuole di Roma – Villa Flaminia e San Giuseppe De Merode – che settimanalmente si impegnano nel sostenere bambini in difficoltà negli studi.

“Vivo per il quarto anno l’esperienza cristiana, lasalliana, educativa del doposcuola La Salle per assistere nello studio pomeridiano i figli degli immigrati. Usufruiamo degli ambienti della mensa dei poveri dell’istituto Villa Flaminia. Sono spettatore innamorato degli alunni della mia scuola, il S. Giuseppe De Merode, che dedicano tempo e conoscenze personali su vari argomenti affiancando allievi stranieri (perlopiù sudamericani) di poco più piccoli d’età. Il fondatore ha ispirato me e altri colleghi, anche dell’istituto Villa Flaminia, in questo servizio gratuito agli ultimi.

È bello e spiritualmente gratificante vedere e sperimentare la collaborazione tra docenti e studenti lasalliani di più scuole per una comune finalità di servizio cristiano”.

Presepe Vivente della scuola primaria dell’ Istituto Villa Flaminia

RELEM – Presepe Vivente della scuola primaria dell’ Istituto Villa Flaminia

Una scuola intera che diviene presepe: 450 bambini, 35 docenti, genitori. L’iniziativa, nata 15 anni fa, è appuntamento oramai tradizionale per la scuola primaria dei Lasalliani a Villa Flaminia. “L’ obiettivo – spiega Fratel Salvatore Santoro, direttore – è vivere il Natale in maniera più sentita e partecipativa, condividendo il suo messaggio autentico”. Un percorso di collaborazione che inizia a giugno con la preparazione del copione, affidato alle classi quinte, presentato poi a settembre.
Poi a metà ottobre la preparazione delle scenografie, che abbelliscono i gazebo dipinti dai bambini con l’aiuto della maestra d’arte. Così nell’anfiteatro all’aperto della scuola trovano posto, come in un antico villaggio della Palestina, i cestai, gli antichi romani, i contadini, gli angeli e ancora fornai, pescatori, commercianti di tappeti, bazar e stelline. Al centro la capanna, luogo dell’attesa. Le prove generali, dalla prima settimana di dicembre.
Tutto per una sola rappresentazione, quest’anno quella del 15 dicembre, con inizio alle 17.Percorsi di cooperazione che coinvolgono tutte le componenti della scuola, genitori compresi, in particolare coinvolti nell’allestimento dei gazebo e in parti recitate. “Occasione per generare incontro” conclude Fratel Santoro “fare rete e camminare insieme, generando percorsi di condivisione: dal mercatino della solidarietà con cui quest’anno sono stati raccolti 10 mila euro per i terremotati di Amatrice, alla mensa per i poveri, nata nella scuola nel 2002, che offre ogni giorno 120 pasti caldi serviti da studenti, insegnanti e genitori”.

Da Scampia al Quirinale: Mattia è “Alfiere della Repubblica”

Una famiglia normale, in un contesto difficile. La presenza di una sorella con problemi di disabilità porta la mamma a concentrare le sue attenzioni su di lei, spingendo gli altri figli ad essere necessariamente indipendenti e da subito. Mattia è un ragazzo che tre anni fa sarebbe stato semplice etichettare come un “neet”, un ragazzo non impegnato in percorsi di formazione, educazione o lavoro.
“Non faceva assolutamente niente” conferma Fratel Enrico Muller, lasalliano, responsabile di CasArcobaleno, comunità educativa nata nel 2007. “Trascorreva le serate al parco pubblico con degli amici e aveva completamente abbandonato non solo gli studi ma, potremmo dire, la vita”.

Nella fotografia si è distinto per delle doti naturali e per il suo contemplare il mondo. Ha acquisito competenze in programmi informatici per la gestione e correzione delle fotografie, ha accettato lavori come aiutante fotografo e ha saputo e voluto utilizzare le proprie doti umane ed empatiche per aiutare altri ragazzi che provenivano da situazioni simili.

Alle 12 il conferimento, dal Presidente della Repubblica, dell’Attestato d’Onore istituito nel 2010 e riservato ai minori che si sono distinti nel campo dello studio, della cultura, della scienza, dell’arte, dello sport e del volontariato. “Una valorizzazione dei percorsi di educazione non formale che hanno tanto valore in Europa ma che in Italia ancora stentano a trovare un riconoscimento” sottolinea Fratel Enrico, al Quirinale con Mattia. “Una grande sorpresa per me”, confessa il ragazzo “un riconoscimento che mi ha stupito: uno sguardo sul mio futuro e non sul passato, l’invito a continuare il cammino intrapreso“.

fonte: www.lasalleitalia.net

Suona la campanella a Scampia, per una seconda opportunità.

Altri 20 ragazzi dal 1° dicembre sono tornati sui banchi di scuola a CasArcobaleno. Tra gli altri Kevin, Alex, Ida, Maria, Luigi, Enzo. Dura la selezione: tra i requisiti, “essere stati bocciati almeno due volte e segnalati dai servizi sociali”. Sorride Fr. Enrico Muller, lui milanese con il pallino della scuola “buona”, quella che non lascia indietro nessuno, che raccoglie “quel che resta”, ricuce, riorienta. “Abbiamo alcuni ragazzi Rom. Altri con il papà in carcere per lungo periodo” spiega. “Uno ha vissuto atti di bullismo e non era più stato a scuola. C’è chi è appassionato di calcio, ma anche un ragazzo che è un gran pasticcere e tiene in camera tutto quanto occorre per sfornare torte dolci e salate”.

io-valgo-17-b

Volti timidi e occhi curiosi hanno varcato a pieno diritto il loro anno di “Io valgo!”, il progetto di recupero dei ragazzi e contrasto alla dispersione scolastica promosso dai Lasalliani con OCCHI APERTI, la cooperativa sociale fondata nel 2007 per vivere percorsi educativi e lavorativi inclusivi e alternativi a Scampia, al suo 11° anno di attività. “Tanta concentrazione, attese, sogni, voglia di riscatto, curiosità”.

Ad accoglierli l’equipe degli educatori ed il disegno su una parete di una grande mongolfiera. “E’ il simbolo di quest’anno: i genitori sono il prato: ogni mamma è stata invitata a mettere un fiore e fare un augurio al ragazzo. I grandi alberi erano le scuole e i servizi sociali con le loro foglie colorate. Gli educatori di Io Valgo, le nuvole e il vento, importanti per spingere e sostenere il viaggio della mongolfiera. Nel cestino i ragazzi hanno posto il loro nome ed una parola per questo anno che li attende. Quella più gettonata è stato impegno: fa ben sperare”.

di leggere www.altodadire.org

1 2 3